La Commissione ha lanciato lo scorso 16 Dicembre un secondo bando nell’ambito delle Azioni Urbane Innovative (Urban Innovative Action), per premiare i progetti più innovativi promossi dalle città stesse. La Commissaria per la Politica regionale ha dichiarato che con quest’iniziativa vengono offerti alle città gli strumenti per trasformare le loro idee in azioni concrete che possono essere poi condivise a livello europeo. Grazie alle risorse del Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), il nuovo bando premierà i progetti più innovativi in tre categorie, coerentemente con le priorità dell’agenda urbana per l’UE: economia circolare, mobilità urbana e integrazione dei migranti.

Beneficiari: Possono partecipare le autorità urbane, associazioni o raggruppamenti di autorità urbane di un’unità amministrativa locale definita, in accordo al grado di urbanizzazione  (come città, paese, sobborgo) che includano una popolazione di almeno 50.000 abitanti; potranno far parte anche raggruppamenti transfrontalieri di differenti regioni e/o Stati Membri. Nel caso di agglomerati organizzati riconosciuti, tutti gli enti coinvolti verranno considerati come un’unica autorità urbana, altrimenti dovranno stabilirne una principale.

Tipologia d’intervento e costi ammissibili: I progetti potranno avere una durata massima di 3 anni e ottenere un cofinanziamento dal FESR fino all’80% dei costi ammissibili con un tetto massimo di 5 milioni di euro. La spesa per ufficio e amministrazione è coperta da un tasso fisso del 15% dei costi del personale presentati. Per le infrastrutture sono ammissibili gli acquisti/forniture di terreni (con un limite max del 10% sul budget totale di progetto,  15 % per i siti abbandonati o  a precedente destinazione industriale come le aree dismesse), acquisti/forniture di proprietà immobiliari, preparazioni di sito, forniture, movimentazioni, installazioni, riqualificazioni e altri costi necessari alla realizzazioni di lavori di costruzione.

Budget: 50.000.000,00 euro

Scadenza: 14 Aprile 2017

Bando