Con decreto direttoriale 11 ottobre 2016 è stata prorogata la data a partire dalla quale possono essere presentate le domande di accesso alle agevolazioni a valere sulle risorse del Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e gli investimenti in ricerca (FRI), istituito presso Cassa depositi e prestiti, in merito a due interventi del Fondo per la crescita sostenibile:

intervento in favore di grandi progetti di ricerca e sviluppo nel settore delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione elettroniche e per l’attuazione dell’Agenda digitale italiana (decreto del Ministro dello sviluppo economico 15 ottobre 2014)

intervento in favore di grandi progetti di ricerca e sviluppo nell’ambito di specifiche tematiche rilevanti per “l’industria sostenibile” (decreto del Ministro dello sviluppo economico adottato nella medesima data del 15 ottobre 2014).

La data a partire dalla quale possono essere avviate, nell’apposita piattaforma presente nel sito del soggetto gestore, le attività di predisposizione delle domande, precedentemente fissata al 12 ottobre 2016, è stata prorogata al 15 novembre 2016, mentre la data iniziale di presentazione delle domande di accesso alle agevolazioni, precedentemente fissata al 26 ottobre 2016, è stata prorogata al 29 novembre 2016.

Beneficiari: imprese che esercitano un’attività industriale diretta alla produzione di beni o di servizi, un’attività di trasporto per terra, o per acqua o per aria, o altre attività ausiliarie delle precedenti; le imprese agro-industriali che svolgono prevalentemente attività industriale, i centri di ricerca con personalità giuridica, imprese start up innovative.

Budget: 350.000.000,00 euro a valere sul FRI e 60.000.000,00 euro a valere sul Fondo per la crescita sostenibile per il bando Industria sostenibile;  100.000.000,00 euro a valere sul FRI e 20.000.000,00 euro del Fondo per la crescita sostenibile per Agenda digitale.

La domanda deve essere redatta e presentata in via telematica selezionando una delle due procedure disponibili nel sito internet del Soggetto gestore, a seconda che si intenda presentare la domanda a valere sul bando Agenda digitale o a valere sul bando Industria sostenibile.

Maggiori informazioni